17.3 C
Napoli
domenica, 21 Aprile, 2024
HomeNEWS TESORI D'ITALIACaprarola nel piano di Internazionalizzazione di Tesori d’Italia

Caprarola nel piano di Internazionalizzazione di Tesori d’Italia

Assofrutti, Sapori di Ieri, Anita Mattei Pure Bio Care e Bio Helix Tuscia, quattro realtà simbolo di impresa di qualità del territorio di Caprarola, comune del viterbese, entrano nel programma speciale di internazionalizzazione di Tesori d’Italia.
Le aziende sono state tra le protagoniste della prima parte del TDI Tour Lazio, svoltosi lo scorso ottobre in collaborazione con il Comune di Caprarola, High Quality Italy e il MiBACT. Una risposta importante del territorio, fortemente voluta e supportata dal Sindaco Eugenio Stelliferi, che vede coinvolte due realtà nel settore agroalimentare, Assofrutti e Sapori di Ieri, e due nel settore della cosmetica, Anita Mattei e Bio Helix.
L’iniziativa rientra nella campagna S.O.Steniamo l’Italia lanciata da Tesori d’Italia a marzo 2020; si articola in un lavoro di sei mesi che porterà le aziende e la stessa Caprarola all’attenzione di un vasto pubblico a livello nazionale e internazionale. Un programma prima di tutto di comunicazione delle aziende, della loro storia, del legame con il territorio e dunque dei loro prodotti, finalizzato a creare le condizioni per nuovi sbocchi commerciali in Italia e all’estero.  

Assofrutti – Organizzazione Produttori Frutta in Guscio
Assofrutti, guidata dal presidente Pompeo Mascagna, è un’organizzazione di produttori operante sin dal 1990, iscritta al n°1 dell’Elenco Nazionale Produttori Frutta in Guscio. Attualmente concentra l’offerta di più di 1.000 corilicoltori, con una superficie di oltre 8500 ettari. I soci produttori aderiscono ad Assofrutti, sia in forma individuale, che tramite cooperative collegate, di cui 5 nel Lazio (Saivconger, Assonovit, coop. Agricola Caprolatta, Produttori Nocciole Monti Cimini). Scopi istituzionali dell’organizzazione sono la promozione e commercializzazione della nocciola, in particolare la “Tonda gentile romana”, la divulgazione delle innovazioni, la difesa, l’assistenza, aiuti strutturali ai produttori, la ricerca.Sapori di Ieri – Azienda agricola biologica
Piccola azienda a conduzione familiare, nel cuore della Tuscia viterbese e a pochi passi dal centro storico di Caprarola,
Sapori di Ieri seleziona solo prodotti naturali, tutti lavorati a mano, proprio come si faceva una volta, per portare in tavola il gusto autentico dei prodotti di qualità. La proprietaria è Antonella Finocchi, imprenditrice agricola amante del verde e della buona cucina di qualità. Le principali coltivazioni di  Sapori di Ieri sono quelle tipiche della zona: nocciola, castagna e olivo. Sapori di Ieri è un’azienda biologica che per la realizzazione dei suoi prodotti utilizza solo ingredienti genuini e naturali, senza l’uso di elementi chimici.Anita Mattei Pure Bio Care
La nocciola Tonda Gentile Romana, di cui il comune viterbese è tra i principali produttori, non è solo un ingrediente gastronomico ma anche un frutto prezioso per la cura della pelle. Anita Mattei usa le proprietà benefiche e nutrienti della nocciola nella sua linea cosmetica Anita Mattei Pure Bio Care. Completamente naturale e Made in Italy, a base di Olio di Nocciola Bio certificato BIOAGRICERT, questa innovativa linea skin care è stata studiata e ideata personalmente dalla Dottoressa Mattei. Biologa, nutrizionista, specialista in Scienze dell’Alimentazione, ha coniugato le sue competenze in campo dermatologico e scientifico alla sua passione per le nocciole, acquisita fin da bambina, in quanto figlia e nipote di corilicoltori. Con la sua linea di cosmesi Anita Mattei è stata premiata nel giugno 2019 alla Camera dei Deputati di Roma come Eccellenza Made in Italy e Best in Europa per “Aver coniugato tradizione e innovazione in una produzione di rara eccellenza.”Bio Helix Tuscia
Dall’amore per la natura e dalla passione per la cosmesi di qualità, nasce
Bio Helix Tuscia, società agricola per l’allevamento di chiocciole. Da qui l’idea di creare una linea beauty care a base di bava di lumaca. Utilizzata già in tempi antichissimi, questa sostanza prodotta dalle chiocciole ha avuto il vero vero boom verso la metà degli anni ’80 quando, in Cile, venne notato che coloro che allevavano questi animali per il mercato alimentare possedevano una pelle straordinariamente soffice e vellutata. Andreina Pasquali, Assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica oltre che imprenditrice agricola, si occupa personalmente dell’allevamento delle chiocciole che seguono un ciclo naturale completo, per poi essere stimolate alla secrezione con il metodo ad ozono, così da ottenere un prodotto di alta qualità senza causare loro alcuno stress.

di Claudia Mele

ARTICOLI CORRELATI

PIÙ LETTI