28.3 C
Napoli
domenica, 14 Luglio, 2024
HomeEVENTICento Pittori Via Margutta. La 117ª edizione della mostra d’arte dice No...

Cento Pittori Via Margutta. La 117ª edizione della mostra d’arte dice No alla guerra

Via Margutta torna a risplendere di quella luce che l'Arte, da sempre, è in grado di portare nel mondo e che, quest'anno più che mai, deve rivelare tutta la sua forza. Appuntamento a Roma con la 117ª edizione della Mostra Cento Pittori Via Margutta.

Da giovedì 28 aprile a domenica 1° maggio torna a Roma la storica Mostra Cento Pittori Via Margutta, l’esposizione su strada dell’arte internazionale. La 117ª edizione si intitola “Omaggio a Paolo Salvati un amore per la natura, un grido contro la guerra”.

Paolo Salvati (1939-2014) è stato uno dei principali artisti figurativi, pittore e disegnatore, socio negli anni ’80 dell’Associazione Cento Pittori Via Margutta. Nelle sue opere Salvati ha rappresentato la natura con il suo intimo espressionismo poetico, dove il colore è sinonimo di amore per la natura, e l’amore per la natura e la poesia sono un segno di pace.

“Via Margutta è nata come dialogo artistico. L’Arte esce dagli studi e si mostra sulla strada creando un rapporto con la gente, parlando con il mondo; il dialogo è la potenza dell’Arte. L’Arte abbatte i muri e le divisioni, crea i ponti della pace. Quando parlano le Arti, tacciono le armi”, afferma Luigi Salvatori, Presidente dell’Associazione Cento Pittori via Margutta.

Ognuno dei circa 100 artisti, provenienti dall’Italia e dall’Europa, realizzerà un’opera per urlare con il pennello il proprio No alla guerra.

Via Margutta
© Claudia Mele
Presidente Salvatori, perché l’arte è importante per costruire la pace?

L’arte è nata praticamente insieme all’uomo. Fin dalle origini l’uomo ha sempre sentito il bisogno di comunicare le proprie emozioni, opinioni, sentimenti. La sua funzione non consiste nell’imporre agli altri pensieri e idee nei vari campi sociale, morale, culturale, etico o religioso, ma di trasmetterli attraverso il linguaggio dei segni e dei colori, nel rispetto dell’altro, come contributo alla convivenza, alla pace, alla evoluzione della coscienza umana, alla spiritualità, all’accoglienza dell’altro. Grazie all’arte noi sappiamo che l’uomo è sempre stato accompagnato da una irresistibile attrazione per la bellezza, da un radicato bisogno di comunicare e da un profondo sentimento del sacro.
L’arte, nelle sue diverse manifestazioni, può rappresentare un metodo di conoscenza profondo dell’altro e una rete di connessione tra le persone e le cose del mondo; può contribuire alla formazione di una mente universalistica che superi le diversità e a promuovere la consapevolezza della comune natura di tutti gli uomini e la fondamentale solidarietà tra uomo e mondo creato.

© Claudia Mele

Nella nostra Associazione ci sono oltre cento artisti, di diverse nazionalità e religioni, di diversi età e sesso, giovani e anziani, di ogni tipo di cultura, ognuno con la propria idea politica, anche di estrema posizione. Eppure l’Arte ci accomuna tutti, ci fa sentire un’unica grande famiglia, come fratelli e sorelle, con un solo obiettivo: la ricerca interiore della domanda fondamentale che l’uomo si pone da sempre: chi sono, dove vado, cosa faccio?  È la domanda sul destino umano, sul confine vita-morte, sul senso della sofferenza, il dolore e la felicità, l’estasi e il tormento, il sublime e la bellezza, la disperazione, l’amore incondizionato, la grazia…
Questa introspezione ci fa sentire uniti nel meraviglioso viaggio della vita, che è unico e irripetibile. È questa necessità interiore innata in noi che contribuisce a superare i conflitti, le separazioni, le contrapposizioni; coltiva la disposizione all’empatia, a far sentire l’altro uguale a me, come partecipe della mia vita, del mio sentire, del mio patire.
Compito dell’Arte è trasmettere questa domanda a tutti gli uomini che la amano, mettendoli nella medesima disposizione interiore di ricercare una risposta al mistero della vita. Per  questo l’Arte, come la spiritualità, contribuisce a costruire una cultura di pace, a educare ad affrontare i conflitti in un atteggiamento di concordia, accogliere e contenere le molteplicità e le differenze, i contrasti e le contese e, per ultimo e come estrema conseguenza, la guerra, matrice di tutti i mali, distruttrice del Creato tutto e delle opere dell’uomo.
Per tutto questo abbiamo ritenuto di dare un significato a questa mostra in questi tempi difficili in cui è messa a repentaglio la pace nel mondo. I giornalisti parlano con la penna, i pittori parleranno con il pennello.

© Claudia Mele
L’esposizione salvaguarda la via romana dell’arte

Con la loro presenza alla mostra, gli artisti vogliono anche testimoniare l’attaccamento a questa nota via e consacrarla ancora una volta quale strada votata all’arte, luogo prezioso da salvaguardare.  

Via Margutta, situata nel Rione Campo Marzio tra Piazza del Popolo e Piazza di Spagna, già dal Rinascimento è stata meta preferita e luogo di incontro di artisti. Proprio per questa caratteristica, nel 1927 Pietro Lombardi progettò la Fontana delle Arti, divenuta poi simbolo dell’Associazione. Dal particolare basamento triangolare, la Fontana è sormontata da un secchio con pennelli, con riferimento alla pittura, e due mascheroni, uno sorridente e l’altro triste, a ricordare il carattere ambiguo di ogni artista.

Nel ’900 Via Margutta era un punto di passaggio quasi obbligato per i grandi Maestri. Passarono per questa strada non solo pittori come Picasso, Guttuso e Novella Parigini, ma anche musicisti come Wagner, Liszt, Puccini e Mascagni. Il cinema aumentò la popolarità di questa strada. Nel film Vacanze Romane soggiornava in Via Margutta Audrey Hepburn. Vi abitarono protagonisti della Dolce Vita come Federico Fellini e le attrici Giulietta Masina e Anna Magnani.

© Claudia Mele
Dal 1953 un appuntamento fisso per l’arte internazionale

L’esposizione è nata nel 1953 per iniziativa di alcuni pittori che decisero di “dar vita e colore” alla strada romana che da sempre è luogo di ritrovo di vari artisti. La mostra è diventata così un appuntamento fisso sia per gli appassionati e i critici d’arte sia per romani e turisti.

Nel giugno 1970 alcuni pittori della Capitale costituirono l’Associazione Cento Pittori Via Margutta con il compito di diffondere la cultura e sensibilizzare l’opinione pubblica alle opere di artisti noti e meno noti. Ogni anno, appunto, l’Associazione organizza l’esposizione storica, giunta oggi alla 117ª edizione.
Durante le mostre gli artisti trascorrono la maggior parte delle giornate a “illustrare i loro lavori ai visitatori, a commentare ritratti e paesaggi, a discutere sulle tonalità dei colori usati o sulle scelte di tecniche e soggetti” [ Fonte: centopittoriviamargutta.it ].

La via, tra le più belle e suggestive di Roma, si anima di vita e risplende di quella luce che l’Arte, da sempre, è in grado di portare nel mondo e che, quest’anno più che mai, deve rivelare tutta la sua forza.

di Aurora Amendolagine

Info e contatti
Inaugurazione: giovedì 28 aprile | H. 17.00 | Via Margutta
Apertura al pubblico: fino a domenica 1° maggio | H. 10.00-20.00
Ingresso libero
centopittoriviamargutta.it


 

ARTICOLI CORRELATI

PIÙ LETTI