25.6 C
Napoli
lunedì, 17 Giugno, 2024
HomeEVENTI40° edizione dell’Infiorata di Noto. Tesori d’Italia media partner

40° edizione dell’Infiorata di Noto. Tesori d’Italia media partner

Anche quest’anno la città di Noto si colora di fiori dando spazio, tra le sue bellezze barocche, a uno degli eventi più attesi della primavera siciliana, di grande richiamo turistico nazionale e internazionale: l’Infiorata.
Giunta alla sua 40° edizione, l’Infiorata 2019 è stata inaugurata ieri, 17 maggio. Con la foto di rito in piazza Municipio con tutti gli infioratori coinvolti e il taglio del nastro all’inizio di via Nicolaci, la suggestiva strada che ospita i tappeti di fiori, si è dato il via alla preparazione dei 16 bozzetti dedicati alle storie dei Siciliani in America.
Tesori d’Italia, dopo la partecipazione all’edizione 2018, conferma nuovamente la sua presenza come media partner di questo coinvolgente evento che rende ancora più unica Noto, città che intraprese l’esercizio di questa particolare arte effimera quarant’anni fa e che ogni anno, da allora, la propone al mondo durante la terza settimana di maggio.
– Redazione Tesori d’Italia

Comunicato stampa

Gli infioratori hanno lavorato fino a tarda notte: con i fiori raccontano le Storie dei Siciliani in America
 “Vieni ca ti cuntu”, l’Infiorata di via Nicolaci è pronta
Lady Gaga, il Toro di Wall Street e Frank Sinatra tra i personaggi “ritratti”

Noto, 18 maggio 2019
L’Infiorata di via Nicolaci è pronta. I bozzetti realizzati durante la notte, in un’atmosfera di magia e di allegria, dagli infioratori netini hanno preso forma e raccontano le Storie dei Siciliani in America.
Nei 16 quadri realizzati con fiori e materiale naturale, trovano posto immagini dedicate a Gaetana Midolo, la giovanissima netina morta a New York nell’incendio della Triangle Shirt Waist Company; ad Hanna-Barbera, casa produttrice di tanti cartoni animati famosi; a Lady Gaga e al Toro di Wall Street. Ci sono anche bozzetti dedicati a Liza Minnelli e a Frank Sinatra. Spazio anche alle immagini simbolo, l’inconfondibile Statua della Libertà ma anche un gruppo di giovani pronti a salpare per raggiungere l’America e ricominciare una nuova vita o al ricordo dell’operazione Husky del 1943.
Tanti già da ieri i visitatori presenti in città. Molti hanno voluto scoprire dal vivo come vengono realizzati i bozzetti, assistendo così a quello che stava succedendo in via Nicolaci, con gli infioratori impegnati a trasformare i disegni in quadri realizzati con i fiori.
Ieri è stato il giorno del taglio del nastro a Casa America, nella Sala Gagliardi di Palazzo Trigona, allestita dagli studenti dell’Accademia Belle Arti di Catania.
Tra i tanti appuntamenti in programma oggi (consultabili sulle pagine social del Comune di Noto e sul sito istituzionale), da segnalare alle 10:00, l’inaugurazione in via Galileo Galileo, della mostra dedicata ai manifesti delle 40 edizioni dell’Infiorata. Alle 12:00, invece, è in programma il Gran Galà della 40° edizione dell’Infiorata: al Teatro Tina Di Lorenzo saranno premiati gli infioratori che anche quest’anno si sono impegnati con dedizione e amore per la loro città in via Nicolaci realizzando i 16 bozzetti.
In piazza XVI Maggio prosegue il Pop Up Market mentre in piazza Municipio sono stati allestiti gli stand delle Forze dell’Ordine.
Domani 19 maggio sarà il giorno della sfilata in abiti d’epoca a cura dell’associazione Corteo Barocco, trasmessa in diretta dalle 15:00 su Tgs (canale 15 del d.t. per la Sicilia), su Rtp Messina (canali 517 e. 646 del d. t. per Messina e la Calabria) e su Viva L’Italia Channel (canale 875 e 879 di Sky), con la conduzione di Salvo La Rosa e Aurora Fiorenza. È possibile seguire la diretta anche su www.gds.it, www.gazzettadelsud.it e www.rtptv.it.
Alle 21:00, in piazza Municipio, lo spettacolo di suoni, danza e luci che chiuderà la 40° Infiorata di Noto.

SOCIAL NETWORK
Facebook: Comune di Noto
Facebook: Assessorato Turismo Cultura Sport Comune di Noto
Instagram: @ComunediNoto
Twitter: @ComuneNoto
YouTube: Canale Comune di Noto

Nelle foto la 40° Infiorata di Noto e gli infioratori a lavoro in via Nicolaci.

ARTICOLI CORRELATI

PIÙ LETTI