17.8 C
Napoli
mercoledì, 22 Maggio, 2024
HomeBLOG TDI TOURTdI-Tour 2018. Direzione Brisighella, passando per il Giardino delle Erbe

TdI-Tour 2018. Direzione Brisighella, passando per il Giardino delle Erbe

Dopo aver salutato i nostri amici di Dozza, abbiamo ripreso la strada a bordo del nostro Laika camper, diretti a Brisighella. Ma a noi piace stravolgere i piani, si sa… Durante la nostra visita a Imola, ci hanno consigliato di visitare una perla del luogo: il Giardino delle Erbe di Casola Valsenio. Ora, secondo voi, potevamo non ascoltare il consiglio? Ovviamente no. E così, con una di quelle deviazioni che ci piacciono tanto e dopo qualche strada curva, siamo arrivati e qui ci siamo inebriati dei più disparati profumi.

Il Giardino delle Erbe, intitolato al suo fondatore Augusto Rinaldi Ceroni, si è lasciato scoprire attraverso la guida di Sauro Biffi, Direttore del Giardino che si occupa della sua gestione e organizzazione dal 1990. Con lui abbiamo passeggiato tra le sue terrazze, abbiamo conosciuto fiori e piante e alcune delle loro incredibili proprietà e abbiamo assaporato sapori sapientemente amalgamati. È stata la piacevole scoperta di un luogo, immerso tra verdi colline, che è storia ma soprattutto centro di conservazione e ricerca per il futuro. Un luogo che è Tesoro d’Italia.

Ancora avvolti dai profumi del Giardino delle Erbe, siamo ripartiti per raggiungere Brisighella, il borgo che sorge fra le cave di gesso. Non è difficile scorgere il luccichio dei cristalli del minerale in cui è scolpito questo gioiello dell’Emilia Romagna anche in pieno giorno. Immaginate di attraversare il borgo di sera, con il chiarore della luna che si confonde nell’argento dei cristalli di gesso… un sogno!
Antico borgo medievale e termale della Valle del Lamone, nell’Appennino Tosco-Romagnolo, Brisighella si erge in uno scenario naturale ancora intatto, sotto lo sguardo custode della Rocca, del Santuario del Monticino e della Torre dell’Orologio e si fonde perfettamente con le bellezze naturali che lo circondano.

Accompagnati da una guida d’eccezione, Il Sindaco Davide Missiroli, e da Valeria Benini della Pro Loco, abbiamo scoperto tratti dell’antica cinta muraria del borgo, abbiamo percorso i suoi caratteristici vicoli dai colori pastello e ci siamo lasciati trasportare nella sua storia fatta di amore per la tradizione e rispetto per il territorio, fino a giungere all’Antica Via del Borgo. Questa strada coperta del XII secolo, sopraelevata e dall’architettura particolarissima, domina il centro storico ed è meglio nota come “Via degli Asini”, per il ricovero che offriva agli animali dei birocciai che trasportavano il gesso dalle cave. Percorrerla è d’obbligo per entrare nello spirito e nell’anima di Brisighella.

Un borgo che incanta immerso in uno scenario naturale unico, Brisighella ci è entrata nel cuore, così come l’accoglienza della splendida regione che la ospita. Il nostro TdI-Tour in Emilia Romagna si è concluso con un’idea chiara: tornarci il prima possibile!

di Claudia Mele

ARTICOLI CORRELATI

PIÙ LETTI