24.2 C
Napoli
giovedì, 30 Maggio, 2024
HomeEVENTIProcida 2022, il 9 aprile la cerimonia inaugurale

Procida 2022, il 9 aprile la cerimonia inaugurale

Dal porto di Napoli all'isola di Procida. 5 spettacoli in sequenza, 200 tra artisti e cittadini coinvolti, 5 ore di diretta streaming. Un programma ricchissimo per la cerimonia inaugurale di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022.

Procida dà ufficialmente il via al suo anno di Capitale Italiana della Cultura. Oggi 31 marzo alle ore 10:30, nella Sala De Sanctis di Palazzo Santa Lucia a Napoli, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della cerimonia inaugurale, in programma sabato 9 aprile. Un evento che vuole essere un momento di condivisione e di lancio di messaggi fondamentali che riguardano non solo l’isola ma che si rivolgono allo scenario nazionale e internazionale, in un periodo di profonda fragilità della nostra storia contemporanea.

Ad aprire la conferenza stampa Agostino Riitano, direttore di Procida 2022. Accanto a lui il Presidente della Regione Vincenzo De Luca e il Sindaco di Procida Raimondo Ambrosino.

“La cultura intesa come legame è al centro di Procida 2022. Con la cultura, insieme alle nostre comunità, dobbiamo ricucire tutte quelle relazioni che si sono sfrangiate in questa pagina così complessa della nostra storia contemporanea – afferma Agostino Riitano –. Ci piace intendere questo progetto culturale non come grande evento, preferiamo definirlo ‘grandioso’, perché la parola ha in sé l’elemento della straordinarietà ed eccezionalità ed evidenzia anche la portata ‘mitica’ che siamo riusciti a costruire: una piccola isola sospesa nel golfo di Napoli che riesce a vincere una competizione nazionale, superando importantissime città d’arte del nostro Paese. Questa dimensione di nuova centralità del ‘minore’ è un elemento decisivo e attorno a questo abbiamo costruito anche la nostra cerimonia inaugurale”.

Procida
© Claudia Mele
La cerimonia inaugurale

Una giornata ricchissima quella del 9 aprile, che vedrà coinvolti circa 200 artisti con una sequenza di cinque spettacoli. L’intera cerimonia è dedicata al mare e ai suoi Miti, alla portata simbolica che il Mediterraneo ha ancora oggi nella nostra cultura contemporanea. Si parte dalla terra ferma per attraversare il golfo di Napoli e giungere sull’isola dove abbraccerà la comunità isolana attraverso performance teatrali, parate e un momento istituzionale di grande richiamo internazionale.

La dimensione della cerimonia inaugurale non si ferma ai soli confini dell’isola ma interesserà il patrimonio culturale dell’intera regione, che sarà attivo protagonista. In simultanea all’accensione delle luci sul borgo della Corricella, i principali monumenti della Campania si illumineranno di rosa – colore che come noto caratterizza il progetto Procida 2022 – con la scritta La cultura non isola. Nello specifico, il colonnato della Basilica di San Francesco di Paola nella Piazza del Plebiscito, Castel Sant’Elmo, i Templi di Paestum, la Reggia di Caserta, l’Arco di Traiano a Benevento, il Castello Marchionale di Taurasi. 

Piano Sky | © Procida 2022
Il programma

Ore 14:00 | Porto di Napoli, Calata Porta di Massa
Il pubblico si imbarcherà per intraprendere il viaggio, anche metaforico, verso l’isola. Con il “pianoforte sospeso”, le note di Piano Sky accompagneranno l’ingresso degli ospiti sul traghetto che li condurrà da Napoli a Procida. Come una metafora di musica in volo, Renata Benvegnù, talentuosa pianista italiana, suonerà questo elegante strumento che si solleverà a tre metri d’altezza.

Ore 16:30 | Isola di Procida, Piazza Marina Grande
Sull’isola andrà in scena Moby Dick, uno spettacolo di teatro urbano vincitore del Premio UBU 2019 per la Miglior Scenografia, con la partecipazione attiva dei cittadini di Procida.

Ore 18:00 | Isola di Procida, centro storico
Il centro storico sarà il palcoscenico naturale di una Grande Parata, animata da artisti e cittadini che parteciperanno dai balconi e dai vicoli per costruire una drammaturgia collettiva, in dialogo profondo con le specificità architettoniche dell’isola.

Ore 19:00 | Isola di Procida, Piazza della Repubblica
La compagnia teatrale francese Trans Express mette in scena uno spettacolo itinerante che da Piazza della Repubblica, cuore geografico dell’isola, si snoderà lungo via Libertà e arriverà al porto di Marina Grande.

Ore 19:45 | Borgo Marina di Corricella
Uno straordinario intervento di visual show architetturale a cura di Gio Pistone e Alessandra Carloni illuminerà il borgo simbolo identitario dell’isola su cui prenderanno forma i miti misteriosi del mare.

Al tramonto | Via Vittorio Emanuele
Al tramonto, all’ingresso di via Vittorio Emanuele, sarà inaugurata una luminaria che evoca riti e tradizioni meridionali a cura dell’artista Domenico Pellegrino per Voiello, main sponsor di Procida 2022. L’installazione raffigura Procida, mitologica Nutrice di Enea e incarnazione dell’isola. 

Moby Dick | © Chiara Ferrini
La cerimonia istituzionale 

Alle 18.40 ci sarà la cerimonia istituzionale alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Sono previsti gli interventi istituzionali del Presidente della Regione Vincenzo De Luca, del Sindaco di Procida Raimondo Ambrosino, del Ministro della Cultura Dario Franceschini. A chiusura, la lectio magistralis di Giovanni D’Antonio, giovane campano di 18 anni classificatosi primo in Europa e quarto al mondo tra i migliori studenti di filosofia. Giovanni porterà al Presidente Mattarella una relazione sulla speranza, come messaggio da parte di una generazione che, oggi più che mai, ha necessità di ragionare su questo tema.

Come partecipare, anche da remoto

Per partecipare è necessario prenotarsi sul sito procida2022.com. Sono previste due corse marittime speciali da Napoli per Procida (e viceversa), su cui è possibile riservare il proprio posto gratuitamente a partire da lunedì 4 aprile (fino a esaurimento posti). Anche per i due eventi (Il pianoforte sospeso e Moby Dick) occorrerà prenotarsi, sempre a partire dal 4 aprile, seguendo le istruzioni sul sito.

La cerimonia può essere seguita anche a distanza. La diretta streaming andrà in onda sul portale Cultura Campania – Ecosistema digitale per la Cultura della Regione e sulla Pagina Facebook di Procida 2022. Inoltre, le iniziative della giornata saranno visibili su degli speciali maxischermi posti nelle principali città della Campania.

Procida 2022
© Claudia Mele
Procida, la cultura non isola

“Procida non è stata selezionata a caso, ma è frutto di un gran lavoro fatto prima, durante e dopo che dimostra le vere capacità non solo dell’isola ma dell’intera regione. Procida 2022 mostra un Sud che non è fermo in attesa ma che sa farsi promotore di progetti di grande valore”, ha affermato in conferenza il Sindaco Ambrosino, che ha posto l’accento sull’importanza di questo momento per guardare a un futuro ricco di opportunità. 

A concludere la conferenza stampa il Presidente della Regione Vincenzo De Luca, che pone l’accento sul particolare momento storico in cui l’evento si inserisce: “Lo stesso fil rouge del progetto ‘La Cultura non isola’ evidenzia il tema della condivisione. Io credo che gli uomini di cultura debbano aiutare a creare ponti fra le persone, fra i popoli; è doveroso che alimentino le sorgenti della solidarietà, del dialogo e della pacifica convivenza. La cultura non isola, e facciamo bene a rilanciare questo messaggio che parte da Procida per allargarsi al mondo”. 

Per quanto riguarda la regione, l’evento si colloca al centro di importanti iniziative culturali che riguardano l’intero territorio. Per Procida Capitale la Regione Campania ha investito 15 milioni di euro destinati allo sviluppo del programma culturale, al potenziamento del sistema sanitario attraverso la Asl Napoli2 Nord, alla realizzazione di interventi integrativi e complementari per la valorizzazione del patrimonio culturale e a opere infrastrutturali di rilievo, primo fra tutti il restauro e la riqualificazione del complesso procidano di Palazzo d’Avalos.
La Regione provvede, inoltre, a un potenziamento dei servizi di trasporto pubblico terrestri, insieme con EAV, e di quelli marittimi, per un importo complessivo di 3,6 milioni di euro.

Procida Capitale Italiana della Cultura è un’occasione per rilanciare l’intera area e richiamare l’attenzione su tutta la regione e il suo immenso patrimonio turistico e ambientale.

“Procida è una piccola isola che si è caricata di significati universali – conclude il Presidente De Luca – Ci aspettano mesi splendidi di cultura e di scambi umani di valore. Speriamo di trovare mare calmo e buon vento”.

di Claudia Mele

Info
Procida 2022
procida2022.com
Programma completo


 

ARTICOLI CORRELATI

PIÙ LETTI