31.7 C
Napoli
sabato, 13 Luglio, 2024
HomeEVENTIGiornata nazionale dei Borghi Marinari d'Italia

Giornata nazionale dei Borghi Marinari d’Italia

Domenica 27 giugno i Borghi Marinari d’Italia celebrano la prima giornata nazionale. Un’occasione da non perdere per scoprire la bellezza, la cultura e la storia dei numerosi borghi che si affacciano sulle coste italiane. Piccole località, lontane dal turismo di massa, con un importante patrimonio storico-culturale legato al mare.

La penisola, con gli oltre 7.000 km di coste e la sua posizione al centro del Mediterraneo, ha nelle diversità culturali delle comunità legate al mare, il suo potenziale di sviluppo sostenibile”, afferma Stefano Principe, Presidente dell’Associazione Borghi Marinari d’Italia.  

Proprio per valorizzare il loro grande potenziale, non solo turistico, l’Associazione ha deciso di istituire la giornata nazionale. Un evento che quest’anno è anche segno di speranza per la ripartenza del turismo italiano. Un turismo sempre più esperienziale, legato ai piccoli territori, che esalta la peculiarità dei luoghi e delle comunità locali.

L’Associazione Borghi Marinari d’Italia

L’Associazione Borghi Marinari d’Italia è nata su impulso di ASI – Associazioni Sportive e Sociali Italiane e ha l’obiettivo di valorizzare l’identità marinara italiana. Vuole promuovere il patrimonio culturale, sociale ed economico dei borghi costieri e la cultura che li lega strettamente al mare. I Borghi Marinari d’Italia sono un marchio di qualità turistico-ambientale, che promuove un turismo sociale, sostenibile, di prossimità, vissuto dalle comunità locali e dai viaggiatori come un’esperienza unica e di crescita reciproca. Il turista vive ogni territorio come un residente temporaneo, mentre i cittadini ne diventano attori attivi nella promozione, migliorando la qualità di vita di questi borghi. L’Associazione mira non solo a farli conoscere, ma anche a sostenere la cultura del mare e i suoi prodotti, soprattutto la pesca, come loro elemento identificativo. Inoltre, vuole salvaguardare la biodiversità marina autoctona e le antiche maestranze del mare. Un turismo sostenibile, dolce, in grado di portare crescita sociale ed economica: un deep tourism.
L’Associazione Borghi Marinari d’Italia, inoltre, punta fortemente alla destagionalizzazione. Luoghi da scoprire non solo d’estate ma tutto l’anno, trovano nell’ormai noto smart working un’importante occasione per attrarre nuovi visitatori e indurre a scoprire il mare sotto una luce diversa – quella dei tramonti autunnali e dell’alba d’inverno – e conoscere la loro identità più profonda.

Borghi Marinari d'Italia - Locandina

La giornata dedicata ai Borghi Marinari d’Italia

Domenica 27 giugno i Borghi Marinari celebrano la loro identità, per mettere in luce tutto il bagaglio storico e culturale che li caratterizza. Non solo luoghi di villeggiatura estiva, i borghi marinari sono un patrimonio che va salvaguardato e valorizzato, ognuno con le sue caratteristiche. La giornata nazionale sarà anche l’occasione per un’amichevole competizione tra i vari borghi: una gara simbolica sui social che premierà Il Borgo Marinaro del Cuore 2021 e che ha come obiettivo quello di far conoscere e apprezzare tutti gli insediamenti nuovi e storici lungo la costa italiana. Una competizione che si ripeterà tutti gli anni per scoprire luoghi che meritano di essere messi in luce. Inoltre, sui canali social dell’associazione è in corso il contest fotografico #identitamarinare, nato per mappare, attraverso le foto dei viaggiatori, i mestieri e le arti legate al mare. Durante la giornata celebrativa non mancheranno gli sport acquatici, iniziative culturali, visite guidate ed eventi che animeranno i borghi marinari disseminati lungo la Penisola.
La giornata nazionale dei Borghi Marinari d’Italia ha ricevuto anche il patrocinio dell’ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo, a conferma di quanto questi siano importanti per il settore turistico e per l’Italia tutta, punto strategico da cui far ripartire il viaggio e il nuovo turismo.

di Silvia Dallafior


? Potrebbe interessarti anche Il borghista, spazio ai borghi e allo slow tourism

Articolo precedente
Articolo successivo
ARTICOLI CORRELATI

PIÙ LETTI