18.8 C
Napoli
domenica, 24 Settembre, 2023
HomeTURISMO E CULTURAVerdesalis, quando ritorno alla terra significa riscatto del Sud

Verdesalis, quando ritorno alla terra significa riscatto del Sud

Vivere la società contribuendo al suo cambiamento, mission e sfida di un gruppo di ragazzi salentini

“Vivere la società è contribuire attivamente al suo cambiamento”: con queste parole si presenta Verdesalis, l’Associazione di Promozione Sociale con sede a Nardò che Tesori d’Italia ha avuto il piacere di conoscere, insieme a Gianni Casaluce e Ivano Manca, in occasione della presentazione ufficiale del Piano Worldwide 2025.

Incubatore di progetti di agricoltura naturale del territorio neretino, nato dall’idea di un giovane gruppo di ragazzi nel 2014, Verdesalis ha lo scopo di tutelare la biodiversità locale, promuovendo l’agricoltura naturale dell’Arneo attraverso l’impiego di tecniche colturali ecosostenibili.
L’Associazione è inoltre promotrice di progetti per il recupero e la valorizzazione del “Cece di Nardò”, un’antica varietà di legume dai semi minuti e dalla forma irregolare, piuttosto grezzo ma particolarmente saporito; la caratteristica di questo legume è quella di generare dei semi dal colore scuro, in passato scartati e identificati nel gergo volgare con il termine di “giudei” a causa del loro difetto cromatico. Attualmente si contano circa dieci produttori locali che coltivano questa varietà e la salvaguardano dalle contaminazioni genetiche. Il progetto complessivo si chiama “Legumi d’Arneo” e ha l’obiettivo di individuare tutte quelle antiche varietà coltivate in passato.

Da quest’anno l’Associazione di Promozione Sociale Verdesalis ha attivato anche un progetto di introduzione della canapa, risorsa che in questi ultimi anni sta suscitando un forte interesse, tra le tradizionali colture di rotazione impiegate a ottimizzare la resa e preservare l’equilibrio biologico e chimico dell’ecosistema suolo.
È inoltre promotrice e sostenitrice, tramite il progetto UrBee, dell’apicoltura per bloccare il problema della scomparsa delle api dal territorio.
Da qui l’idea di organizzare anche degli eventi, laboratori formativi e corsi di agricoltura naturale, volti a sensibilizzare grandi e piccoli sul valore e l’importanza che la terra ricopre, coinvolgendo anche le scuole di ogni ordine e grado della zona.

In un periodo di crisi economica e di disoccupazione giovanile, il nostro Paese sta assistendo a un vero e proprio ritorno alla terra, divenendo opportunità per molti giovani di creare quell’indotto che permetterebbe di rimanere nella propria regione: fenomeno in espansione che è anche “scelta di vita” grazie alle molteplici politiche di incentivazione del settore che tramite agevolazioni fiscali, finanziamenti e premi all’insediamento dei giovani in agricoltura, hanno favorito questo processo indubbiamente positivo per l’Italia.
Nelle parole di Gianni e Ivano emerge forte l’amore per il proprio Paese, una profonda volontà di “fare qualcosa” per la propria terra, un impegno e una voglia di riscattare il Sud per dargli nuove prospettive. Tutto ciò avviene tramite Verdesalis, composta da ragazzi di varie età e competenze che, tramite lo studio, la ricerca e tanta passione, portano avanti questa importante iniziativa: fare rete per creare una sinergia di forze utile ad avviare un processo virtuoso. Per un Sud dove, nonostante le difficoltà, si possa tornare a vivere, non con rassegnazione ma con il desiderio comune di contribuirne alla crescita.

 di Chiara Villani

Foto di: Verdesalis
Pagina Facebook

ARTICOLI CORRELATI

PIÙ LETTI